giovedì 25 gennaio 2018

Ricordami quanto era bello parlarci


Ricordami quanto era bello parlarci. Con il vento, con la pioggia, fradici e poveri in canna. In un’aula universitaria troppo grande perché ci potessero sentire bisbigliare, l’insegnante al microfono a sbraitare per l’intera lezione. In mezzo al mare mentre mi insegnavi la capriola o al telefono, i cui circuti connettevano solo se si impugnava la cornetta al contrario, io acrobata tu spettatore in differita di quello spettacolo circense al ricevitore. Erano sempre belle conversazioni. Portavano ogni volta in un luogo diverso. Una volta mi hai fatto vedere la Luna e poi mi ci hai abbandonato per due giorni. Non me lo meritavo, ma è stato un buon momento di riflettere. Chiacchierate sane e robuste come i rami di un albero rigoglioso. Volendo potevamo arrampicarci e saltare di fronda in fronda e anche immaginare di cadere. I pensieri erano due, quindi aumentavano le possibilità di trovare un appiglio e sopravvivere allo schianto. Comunque era sempre un morbido tappeto di foglie ad attutire la caduta. E poi ci veniva servito del tè. Qualche volta una pozione magica. Niente aveva un senso preciso, ma tutte le cose luccicavano intorno. Non so neppure bene se tu sia uno trino o nessuno, forse ti nascondi adducendo che sei solo un prodotto della mia immaginazione. So di certo che con te affrontavo meglio la vita. Vorrei ritrovarti, magari nelle pagine di un libro. O in una folata di tramontana.  Ricordami quanto era bello parlarci. Facendolo di nuovo.

1 commento:

Serena ha detto...

Dolce. Ti auguro di poter ricominciare a parlare con lui.