domenica 31 luglio 2016

Le polacche a Stella (storia a puntate) 1) La corriera

All'epoca molte persone viaggiavano in corriera. Lenta fino all'inverosimile impiegava quasi un' ora per percorrere lo stesso tragitto che in macchina si faceva in venti minuti. Tutte quelle curve invitavano a viaggiare leggeri per non incorrere in malesseri improvvisi. Alcuni autisti erano particolarmente loquaci e le peripezie  del malcapitato di turno, bersaglio delle loro chiacchiere, erano dunque di dominio pubblico fra gli altri passeggeri. Ognuno occupava un posto predefinito e mai sarebbe capitato di vedere la fazione di Stella S. Bernardo mischiata a quella di Ellera. Gli spazi vuoti abbondavano perchè si trattava di un veicolo enorme, incredibile come potesse avventurarsi per quelle stradine di montagna senza provocare incidenti. E così è stato. Poi sono arrivate loro a rompere gli equilibri. Erano cinque o sei, alcuni ne vedevano addirittura sette. Un giorno in cui pensavo di essere in ritardo e di aver perso la corriera, ho trovato l'autista intento a dispensare biglietti attraverso l'apparecchio manuale che di rado veniva usato e che, a quanto pare, gli stava creando parecchie difficoltà. "Strano"- ho pensato. Normalmente, gli abitanti del villaggio si riforniscono di biglietti dalla signora della tabaccheria. Ricordo di aver alzato lo sguardo e di essermi perso in una foresta di occhi chiari, di gradazioni che non esistevano in quei luoghi. Erano loro, le polacche, le sirene ammaglianti venute da lontano a turbare l'estate dei grandi e i sogni degli adolescenti che, come me, si affacciavano con curiosità e timore alla vita adulta.

Nessun commento: