mercoledì 27 luglio 2011

Shodo- la consapevolezza di essere imperfetto


Ho preso in mano il pennello con la mano destra. Il mio emisfero sinistro addormentato, è stato improvvisamente solleticato. E il mondo ha cambiato colore. Ho sentito i neuroni stanchi riattivarsi e allacciare connessioni inattese. E' simile alla stimolazione derivata da un massaggio alle piante dei piedi. Dopo un'esperienza del genere non se ne può più fare a meno. E si diventa dipendenti come la Quarta Signora del film "Lanterne Rosse". Dico spesso che ho un debole per la scrittura, ma mai avrei pensato di abbandonare computer e alfabeto per un foglio di carta di riso e un calamaio. Gli ideogrammi mi sono sempre piaciuti, ma chissà perchè mi riuscivano sempre diversi rispetto ai miei colleghi asiatici. Con il pennello mi posso sbizzarrire. Riposo la mia mano sinistra e faccio scattare la destra sull'attenti. Le articolazioni scricchiolano. Ho paura di premere troppo sul foglio come quando bucavo la carta con il compasso nel tentativo di disegnare una figura geometrica inscritta. Era Oleosa che si occupava dei miei esagoni al primo cenno di distrazione della Prof. Ora c'è l'amore per questa lingua a guidarmi nell'intricato mondo dei tratti ordinati. Il risultato è diverso dall'originale, ma fedele nell'esecuzione. Un giorno vorrei scrivere qualcosa di importante con il pennello. Una dichiarazione d'amore illegibile per non ferire le aspettative. Vorrei comunicare il senso generale senza scendere nei particolari. Il pennello può aiutarmi a mantenere questa ambiguità d'interpretazione. Ho dimenticato che l'inchiostro deve asciugare. Un movimento sbagliato e tutta la mia fatica è andata sprecata. L'inchiostro si sparpaglia ovunque sul foglio e la scena mi ricorda il computer quando improvvisamente si spegne senza un perchè. Con tutti i suoi dati. La mano mi duole per oggi basta. Riconosco un cuore (心) sopravvissuto allo scempio. E' senz'altro un'altra di quelle esperienze che arricchiscono l'essere umano. Qualsiasi sia il risultato finale

Nessun commento: